• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 011 800 09 45
  • Facebook | AVIS7tse

Sospensioni ed esclusioni

In alcuni frangenti, per il bene di coloro che necessitano di trasfusioni di sangue, bisogna autosospendersi, in modo temporaneo, dall'attività di donatore.

Per esempio, l'autosospensione temporanea va presa in considerazione se negli ultimi quattro mesi, ci si è sottoposti a operazioni cosmetiche, tipo tatuaggi, piercing, orecchini; se nei giorni precedenti o nel giorno stesso della donazione, si soffre di raffreddore o di un'altra infezione virale simile (per esempio, un'influenza); se si stanno assumendo antibiotici; ecc.

Alla luce di ciò, è abbastanza chiaro il concetto che donare il sangue non è solo un atto di generosità, ma richiede anche senso di responsabilità e assennatezza.

Di seguito è riportato un elenco delle situazioni più comuni che richiedono l'autosospensione temporanea. Bisogna autosospendersi dalle donazioni di sangue quando:

  • ci si è sottoposti di recente a un serio intervento chirurgico;
  • ci si è sottoposti a un intervento dentistico. L'autosospensione, in questi casi, varia in base al tipo di operazione: può essere di sole 24 ore, per una semplice otturazione, oppure di 7 giorni, per un'estrazione dentaria;
  • si è entrati in contatto, per motivi lavorativi o familiari, con individui affetti da malattie infettive più o meno gravi. Per esempio, il personale medico e infermieristico dei centri ospedalieri, può dover curare malati di AIDS o epatite C. Sebbene esistano tutte le protezioni del caso, è bene comunque aspettare del tempo prima di riprendere a donare il sangue, ed, eventualmente, sottoporsi di nuovo alle analisi del sangue;
  • nell'arco dei dodici mesi precedenti una donazione si è sofferto di ittero o epatite A;
  • si è in stato di gravidanza o si è partorito di recente (l'interruzione vale fino a 6 mesi);
  • nei giorni vicini a quello della donazione si era sotto terapia antibiotica;
  • nei 4 mesi precedenti una donazione ci si è vaccinati contro qualche malattia infettiva;
  • in prossimità o nel giorno stesso della donazione, si è sofferto o si soffre di raffreddore, mal di gola, influenza e altre malattie infettive di grado simile;
  • negli ultimi 4 mesi, ci si è sottoposti a operazioni cosmetiche, come tatuaggi, piercing e orecchini;
  • si è visitato di recente (massimo 6 mesi) un paese, in cui la malaria è endemica (cioè tipica di un determinato territorio);
  • si soffre di anemia temporanea. L'anemia, infatti, non è sempre un disturbo cronico, ma può anche essere una condizione passeggera (per esempio, lo stato anemico delle donne con ingenti mestruazioni).

Per qualsiasi informazione ulteriore, riguardante l'autosospensione, basta rivolgersi al centro trasfusionale dell'Avis Settimo T.se.